La collaborazione tra DiaSorin e le scuole locali ha il compito di sviluppare l’interesse per il...

Da sempre DiaSorin crede nel talento: per questo continua a supportare iniziative di divulgazione scientifica nelle scuole.

Gli scienziati di domani appartengono alle nuove generazioni: occorre investire sulla passione, perché cresca insieme alle ambizioni. Una missione che per DiaSorin gioca un ruolo cruciale, come testimoniano le diverse attività che l’Azienda promuove ogni anno tra gli studenti. Con obiettivi molteplici: avvicinare i ragazzi del territorio a un argomento apparentemente nebuloso come quello dell’immunodiagnostica, rafforzare le loro competenze scientifiche e di business, aprire un canale tra scuola e mondo del lavoro, individuare le menti più promettenti su cui il Gruppo potrà puntare in futuro.

Tra i progetti educational che hanno interessato DiaSorin nel biennio 2016/2017, spiccano quattro iniziative differenti nei mezzi, ma complementari negli intenti: “Mad for Science”, “Buona Scuola”, “Wow - Io e il mio futuro” e “Lead The Way 2016”.

Il concorso regionale “Mad For Science” ha invece visto 44 licei piemontesi sfidarsi a colpi di idee e progetti sperimentali, per vincere il finanziamento di un bio-laboratorio attrezzato. Il contest si è concluso l’11 maggio 2017 con la presentazione dei progetti finalisti ad una giuria di personalità del settore nel suggestivo Palazzo della Luce di Torino. Ad aggiudicarsi gli 60.000 euro in palio, l’Istituto Nicola Pellati di Nizza Monferrato.

La prima, “Buona Scuola”, ha coinvolto gli alunni di due licei del torinese in un tirocinio sullo sviluppo dei test per la diagnosi dell’HIV, durante il quale hanno potuto conoscere la cultura dell’Azienda attraverso le voci e l’esempio dei professionisti DiaSorin. Gli studenti sono stati affiancati da un’agenzia di comunicazione nella realizzazione di tre diversi contenuti: un comunicato stampa per illustrare il percorso di DiaSorin nello sviluppo del test, una presentazione intitolata “HIV - Il punto di vista di un’azienda di immunodiagnostica”, un documento dedicato ai pazienti.

Occorre investire sui giovani con progetti che li vedano protagonisti attivi del proprio futuro

Carlo Rosa, CEO di DiaSorin

Sempre nel perimetro della promozione dell’innovazione DiaSorin ha partecipato all’evento “Wow - Io e il mio futuro”, organizzato da Confindustria Vercelli, presentando il proprio operato alle scuole superiori locali di indirizzo tecnico e scientifico.

Infine, l’iniziativa “Lead the Way” ha visto i dipendenti della sede DiaSorin USA recarsi nelle scuole durante la pausa pranzo per offrire un quadro d’insieme dei percorsi possibili nel settore della diagnostica in vitro.

Un impegno sfaccettato, dunque, che continuerà anche negli anni a venire, perché la passione per la scienza è passione per la vita.